Pogettazione d'interni low cost, architetto online, due soluzioni di progetto con immagini 3D gratuite ed illimitate

mmmmmmmmm

m

QUADRILOCALE

Ristrutturazione appartamento di 125 mq

Stato di fatto

large product photo

 

Stato di Progetto: prima soluzione

large product photo

Stato di Progetto: seconda soluzione

large product photo

Progetto: prima soluzione

large product photo

Soggiorno

large product photo

Soggiorno: vista verso le porte scorrevoli

large product photo

Soggiorno: vista verso l'ingresso

large product photo

Soggiorno: vista verso lo studio ed il balcone

large product photo

Progetto: seconda soluzione

large product photo

Zona pranzo e salotto

large product photo

large product photo

large product photo

large product photo

Realizzazione

large product photo

large product photo

large product photo

SOLUZIONI DI PROGETTO

 

RICHIESTE DEL COMMITTENTE: L’appartamento, risalente agli anni ’70, soddisfaceva le esigenze del committente come distribuzione degli spazi ma andava riorganizzato ed ottimizzato da un punto di vista funzionale secondo le seguenti richieste:

- avere una zona giorno visivamente estesa e funzionale, pur con una propria caratterizzazione estetica.

- Adibire a studio una delle tre camere disponibili. - Avere uno spazio da utilizzare per l’accoglienza notturna degli ospiti.

- Caratterizzare esteticamente i due bagni completi (uno con vasca e l’altro con doccia)

- Ricavare una zona lavanderia con lavatrice, asciugatrice e possibilmente lavatoio

- Ricavare una cabina armadio che servisse entrambe le camere da letto.

- Ricavare spazio contenitivo ove possibile.

 

SOLUZIONI DI PROGETTO

1) PRIMA SOLUZIONE

L’appartamento presentava una molteplicità di porte a battente la cui apertura risultava scomoda, poco funzionale e sottraeva numeroso spazio per l’apertura dei battenti. D’accordo con il committente si è deciso di utilizzare quasi totalmente porte scorrevoli (interno o esterno muro). Come camera da destinare a studio si è scelta ovviamente quella attigua al soggiorno. E’ stata allora chiusa la porta di accesso dal disimpegno in maniera da poter utilizzare la lunga nicchia creatasi nel disimpegno (circa 250 cm) per la collocazione di un grande armadio a muro a tutt’altezza.

Lo spazio da destinare alla cucina è stato solo lievemente ridimensionato attraverso lo spostamento di circa 20 cm del tramezzo di separazione dal bagno a vantaggio del bagno stesso. Ciò ha consentito la creazione di un bagno completo e di una ampia zona lavanderia.

La zona lavanderia è stata ribassata con un controsoffitto portante accessibile sia dal bagno che dal disimpegno della zona notte. Anche nello stesso disimpegno è stata ricavata una zona ribassata con controsoffitto portante: la zona in questione è quella di comunicazione tra le due camere da letto in corrispondenza della quali il disimpegno si allarga. Il ribassamento di tale zona risulta utile anche da un punto di vista estetico in quanto ne sancisce in modo più netto la separazione dal resto del disimpegno ove è collocato l’armadio a tutt’altezza.

La separazione della cucina e della zona studio dal soggiorno è stata realizzata con due soluzioni simmetriche di pannelli scorrevoli esterno muro (h=240 cm) che sono l’elemento caratterizzante l’intero soggiorno.

La zona ingresso è stata modificata abbattendo il vecchio ingresso separato e annettendo lo spazio al soggiorno. Una definizione dell’ingresso stesso è stata ottenuta con un controsoffitto estetico con andamento ad onda che ha anche lo scopo di coprire una trave visibile sopra la porta di ingresso.

Dal punto di vista della disposizione degli arredi, l’intero soggiorno è occupato da due lunghi divani messi ad L per realizzare una zona conversazione.

La parete di fronte ai divani è stata utilizzata per contenere gli apparecchi audio/video, mentre la parete dietro il divano è stata utilizzata per collocare una lunga credenza e garantire così un volume contenitivo.

La cucina appare ancora ben separata dalla zona soggiorno, ma la presenza dei pannelli scorrevoli consente a propria scelta di realizzare o meno la continuità tra i due ambienti .

Per separare il soggiorno dal disimpegno verso la zona notte è stato utilizzato un pannello dello stesso tipo e dimensioni di quelli utilizzati per le altre porte a vista sul soggiorno, con la sola differenza che lo scorrimento è stato previsto interno muro per avere una parete utilizzabile per la collocazione degli apparecchi audio/video.

La camera studio contiene un divano letto per gli ospiti: la possibilità di chiudere i pannelli di separazione dal soggiorno garantisce la necessaria privacy agli ospiti. Come scrivania è stato previsto di utilizzare un tavolo di alluminio e vetro su rotelle. All’occorrenza questo può essere spostato al centro della stanza trasformando l’ambiente in sala pranzo. Pertanto lo studio assume il carattere di una stanza multifunzione che a seconda delle necessità si trasforma in sala da pranzo o stanza per gli ospiti.

Per i pasti di tutti i giorni nell’ampia cucina è stato invece collocato un tavolo di dimensioni normali, allungabile e spostabile.

La cabina armadio è stata ricavata ove prima era presente un ampio ripostiglio sottraendo leggermente spazio alle due camere i cui accessi sono stati ri-ottimizzati con l’impiego delle porte scorrevoli interno muro.

Per la ridefinizione dei due bagni si sono scelte soluzioni razionali caratterizzate dalla presenza di sanitari sospesi. Nel bagno più grande si è scelta una vasca angolare che è stata ora collocata in larghezza sotto la finestra ottenendo così l’effetto visivo di far apparire il bagno meno lungo e stretto di quanto in realtà sia. In questo bagno è inoltre presente lo spazio per una zona lavabo più “importante”.

Come variante della soluzione sopra esposta si è valutata la possibilità dello spostamento reciproco di cucina e studio con lo scopo di meglio integrare la cucina con il soggiorno ed avere un ambiente unico, cosa che nel caso precedente veniva disturbata dalla presenza dell’ingresso e dell’accesso al disimpegno della zona notte. Tale progetto presentava tuttavia maggiore complicazione dal punto di vista tecnico-impiantistico, data la distanza intercorrente tra i nuovi impianti e le colonne degli scarichi, che avrebbe imposto l’impiego di un “sanitrit” per il corretto funzionamento e l’ efficienza degli stessi.

 

2) SECONDA SOLUZIONE

La soluzione precedentemente esposta risultava molto razionale e funzionale, ma non era sufficientemente caratterizzata da un punto di vista architettonico. Al fine di proporre al committente anche una seconda soluzione maggiormente “d’effetto”, si è pensato di realizzare una zona pranzo collocata tra cucina e soggiorno caratterizzata da un locale circolare e dalla presenza di un tavolo tondo. Tale locale risulta da una parte completamente aperto sull’ ingresso ed il soggiorno, e dall’altra presenta tre porte curve, pensate come porte filo muro a bilico verticale, per l’accesso alla cucina, all’antibagno del primo bagno e al disimpegno verso la zona notte.

La cucina mantiene la stessa disposizione del caso precedente, con la sola differenza data dalla sottrazione della zona pranzo, destinata ora a caratterizzare la nuova disposizione, il che ha consentito di ridisegnare il disimpegno del bagno ricavando ivi un ripostiglio in aggiunta alla lavanderia. In tale disposizione il bagno in questione risulta pertanto annesso alla zona giorno e alla zona “ospiti” e non più alla zona notte, servita ora soltanto dell’altro bagno.

La zona salotto si sviluppa in maniera molto simile alla soluzione precedente, con lieve ridimensionamento della zona audio/video. Per la separazione dallo studio è stata ora scelta una porta scorrevole a tre pannelli di vetro, a tutt’altezza.

La configurazione dello studio resta inalterata con la possibilità di isolare questo locale per adibirlo a zona notte. Nessuno degli altri locali presenta variazioni rispetto alla disposizione precedente.

 

3) SCELTA FINALE:

I committenti, pur attratti dalla forte caratterizzazione estetica della seconda soluzione, hanno optato per la realizzazione della prima soluzione senza ricorrere al possibile spostamento della cucina. Riportiamo alcune foto dell’ambiente così come è stato realizzato.

Ultimo aggiornamento del sito: 20 gennaio 2010


site design by Massimo Manni